A caccia nel Parco nazionale della Sila, tre denunce Sorpresi dai carabinieri forestali. Uccisa una beccaccia

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine

LONGOBUCCO (COSENZA) – Un’attività antibracconaggio condotta dai militari dei Comandi Stazione Parco di Cotronei e Cava di Melis, dipendenti dal Reparto Parco Sila, ha portato alla denuncia di tre persone e al sequestro di armi e munizioni in loro possesso.

In particolare, i militari hanno rinvenuto in località “Petrarella” nel comune di Longobucco un fuoristrada fermo a bordo strada con due persone che stavano cambiando un pneumatico. All’interno dell’autovettura erano presenti due fucili da caccia custoditi in apposite fodere in seguito accertato essere dei due uomini, residenti a Corigliano Calabro e Castrolibero. Una terza persona, sempre di Corigliano, stava sopraggiungendo sul luogo a piedi e con al seguito un fucile carico con tre cartucce.

I tre avevano con loro anche quattro cani di razza “setter”. La zona dove è stato effettuato il controllo rientra nel perimetro del Parco Nazionale della Sila ed in particolare nella “zona 2” dell’area protetta, area quindi dove è vietata sia l’introduzione di armi che l’attività venatoria.

Il controllo ha portato alla denuncia per introduzione di armi in area protetta per i tre cacciatori e per uno di loro anche alla denuncia per “esercizio venatorio in area protetta”. Oltre alle armi, tre fucili calibro 12 ed il loro munizionamento, è stato sequestrato anche un esemplare di beccaccia (scolopax rusticola) da poco abbattuto

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine