Perché il tweed é uno dei tessuti più amati dagli uomini

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine

Originario della Scozia, il tweed è uno dei tessuti più utilizzati per confezionare giacche, abiti e cappotti sin dall’ottocento e viene da sempre associato all’immagine del vero gentleman. Impiegato un tempo per capi dall’allure sportiva, scelti dall’upper class per i soggiorni nelle campagne inglesi, con il passare degli anni acquistò sempre più fama fino a divenire in tutto il mondo uno dei tessuti invernali più amati e indossati sia per il lavoro che per il tempo libero. Le peculiarità principali di questa stoffa sono numerevoli: è molto resistente (ma non rigida) e quindi ha una lunga durata, è calda e non teme la pioggia e le macchie.

Nella gallery alcune nostre proposte per questa stagione invernale. Vi sono le giacche di Tagliatore, monopetto 2 bottoni con dettagli sartoriali e vestibilità molto sciancrata, Lanieri, con fantasia tartan (che ritroviamo anche nella cravatta di Boggi Milano) perfetta per le feste natalizie e Aspesi, con toppe sulle maniche dallo stile country. Stesso mood che ritroviamo nel bomber di Lardini in fantasia pied-de-poule. Il tweed si presta molto anche per i pantaloni: quelli Berluti sono nel classico grigio, un autentico passe-partout, mentre quelli di P Paoloni hanno un originale motivo mélange. Anche A. Testoni utilizza questo straordinario tessuto per le sue eleganti francesine con fibbia laterale e frangia. Il bouclé-tweed coat di Etro infine, dalla fodera con l’iconico motivo Paisley, è reso morbido dall’aggiunta di alpaca e mohair. In copertina: look L.B.M. 1911 

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine