X Factor 12, le pagelle musicali del terzo live

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine

L’emozione è sicuramente l’amica-nemica degli artisti, soprattutto per quelli emergenti: probabilmente è questo il motivo principale per cui, finora – ma siamo appena al terzo live show – le performance dei talenti di X Factor 12 sono sempre un po’ al di sotto delle aspettative. Ma, come si suol dire, se sono rose fioriranno: la strada verso la finalissima al Forum di Assago è ancora lontana e di tempo per crescere sul palco, ce n’è. In relazione a queste considerazioni, rimane stretto il ventaglio di voti attribuite ai cantanti che si sono esibiti nel corso del terzo live show di XF12.
La puntata ha decretato l’eliminazione di Emanuele Bertelli, finito al ballottaggio con i Seveso Casino Palace, ma a onor del vero, l’unico a brillare davvero è stato Anastasio.
Ecco le pagelle, con i voti per le performance, concorrente per concorrente, in ordine di esibizione.

NAOMI (team Fedez)
Think di Aretha Franklin (1968) – voto: 7,5
Strano, ma vero: nonostante la tecnica indiscutibile della cantante, nella performance manca l’intenzione nel cantare un brano così difficile anche nel contenuto e, come spiega Agnelli, sul fraseggio, sui “toni medi” si perde precisione e intensità.

BOWLAND (team Lodo Guenzi)
Senza un perché di Nada (2004) – voto: 7
Apparentemente non pago delle assegnazioni sbagliate, Lodo decide di assegnare ai Bowland un brano in italiano, che il gruppo porta a casa con eleganza, anche se a un livello inferiore rispetto al solito, per insicurezza nella pronuncia di Leila, comunque molto brava.

LUNA (team Manuel Agnelli)
Blue Jeans di Lana del Rey (2012) – voto: 7,5
Si è fatta conoscere come una rapper infallibile, e la piccola “macchina da guerra” (come la definisce il suo giudice) dimostra con la ballata di Lana del Rey di saper cantare, con molto colore anche.

EMANUELE BERTELLI(team Mara Maionchi)
Congratulation di Post Malone (2016) – voto: 5,5
Per motivi incomprensibili, visto che nella puntata precedente la trap non gli ha portato fortuna, anche questa volta il giovane crooner si rovina con un pezzo di Post Malone, per di più arrangiato in una versione di dubbia efficacia.

SHEROL DOS SANTOS (team Manuel Agnelli)
La voce del silenzio di Mina (1968) – voto: 7,5
Cantare Mina è impossibile, ma Sherol riesce molto bene nell’impresa, pur con qualche imperfezione, ma, come le compagne di squadra, trasmette meno di quanto, a giudicare dalle lacrime, prova.

LEO GASSMAN (team Mara Maionchi)
Hold Back the River di James Bay (2015) – voto: 6,5
Bravo e bello, su questo siamo tutti d’accordo. Il pezzo era perfetto, ma in effetti al ragazzo gliene dicono sempre tante: o è troppo rigido, o carica troppo…

SEVESO CASINO PALACE (team Lodo Guenzi)
Take on me degli Ah-Ah (1985) – voto: 5/6
L’intenzione dichiarata del loro giudice era tirare fuori la rabbia, quindi è stato scelto un pezzo synthpop, che i ragazzi hanno fatto in maniera dimenticabile, con una tirata di orecchie alla cantante che, a parte sprecare il timbro alla Janis Joplin, dovrebbe lavorare sulla pronuncia inglese.

RENZA CASTELLI (team Fedez)
Mi sono innamorato di te di Luigi Tenco (1962) – voto: 7,5
Elegante, misurata, soffiata il giusto: Renza ha eseguito un pezzo gravoso come quello di Tenco con rispetto, forse mancava un quid ma, come si dice, less is more.

MARTINA ATTILI (team Manuel Agnelli)
Material Girl di Madonna (1985) – voto: 6
Sicuramente il brano, la scenografia, i pattini a rotelle etc sottolineano finalmente l’età della ragazza, che però fuori dalla solita atmosfera eterea è più divertente ma anche meno originale.

ANASTASIO (team Mara Maionchi)
Mio fratello è figlio unico di Rino Gaetano (1976) – voto: 9
Fuoriclasse, forse fuori gara in una gara che inevitabilmente premia di più gli interpreti di cover, Anastasio è un poeta moderno. E riesce a scrivere una sua versione che si colloca perfettamente in un testo già denso. Agnelli lo sfida nelle cover, ma Mara lo rimbrotta soavemente: «Tu fai quello che credi, noi facciamo il ca**o che ci pare».

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine