Politica . Prescrizione, c’è l’accordo

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine

Quadra trovata sulla prescrizione, dopo il vertice a Palazzo Chigi durato meno di un’ora tra il premier Conte, i due viceministri Salvini e Di Maio e il guardasigilli Bonafede. Dopo giorni di tira e molla sull’emendamento voluto dai Cinquestelle e che prevede il blocco della prescrizione dopo la sentenza di primo grado (sia in caso di condanna sia di assoluzione) la prescrizione entra subito nel ddl anticorruzione, ma sarà in vigore tra un anno. Contemporaneamente – si apprende da fonti di governo – si approva un disegno di legge delega a Bonafede per riformare il processo penale.

FUMATA BIANCA – La fumata bianca è arrivata a fine vertice dal capogruppo leghista al Senato Riccardo Molinari: “Abbiamo trovato la quadra”, ha detto sorridente. La riforma della prescrizione, ha poi annunciato Bonafede, andrà in Aula la settimana prossima. Per il vicepremier Matteo Salvini “la mediazione è stata positiva” ma ha avvisato: “Accordo trovato, ma solo con tempi certi”. Al termine del vertice, Salvini ha ribadito inoltre la necessità di avere tempi brevi per i processi. “In galera i colpevoli, libertà per gli innocenti” ha sottolineato.

SI PARTE NEL 2020 – Il titolare del Viminale ha spiegato che la norma sulla prescrizione “sarà nel ddl ma entrerà in vigore da gennaio del 2020 quando sarà approvata la riforma del processo penale”. La legge delega, invece, che scadrà a dicembre del 2019, “sarà all’esame del Senato la prossima settimana”. Tempistiche ribadite anche dal ministro per la Semplificazione Giulia Bongiorno, che ha sottolineato come la riforma del processo penale “camminerà insieme” alla riforma della prescrizione.

DI MAIO: “BASTA IMPUNITI” – Esulta Luigi Di Maio: “Ottime notizie! #BastaImpuniti – commenta il vicepremier in un post su Facebook -. La norma sulla prescrizione sarà nel disegno di legge anticorruzione! E entro l’anno prossimo faremo anche una riforma del processo penale. Processi brevi e con tempi certi. Finalmente le cose cambiano davvero!”. Stamattina, prima del summit, in un’intervista rilasciata a ‘Il Fatto Quotidiano’ Di Maio aveva ventilato l’ipotesi di far saltare il contratto di governo senza un accordo sul voto.

“Questa mattina abbiamo raggiunto un accordo su quello che c’era scritto nel contratto di governo. Ci sono casi di stupro, stragi”, situazioni “in cui i familiari chiedono giustizia e quello che è colpevole si salva perché scatta la prescrizione. Ora se tu vieni condannato in primo grado, non scatta la prescrizione, prima devi arrivare all’ultimo grado”, ha aggiunto Di Maio intervistato da Skuola.net.

“La norma – ha spiegato – si approva a gennaio 2019 e entrerà in vigore nel 2020 perchè metteremo più soldi nelle strutture e faremo la riforma processo penale per non congestionare la giustizia”. “Oggi l’opposizione occupa i banchi del governo. Noi lo facevamo perché davano soldi alle banche, ora Forza Italia lo fa per protesta perché noi abbiamo bloccato la prescrizione che salva i furbetti. Se ne facciano una ragione, hanno perso le elezioni”.

CONTE: “TROVATA SOLUZIONE MIGLIORE” – “Riforma prescrizione e accelerazione dei processi penali: avanti spediti per l’attuazione del Contratto di Governo. Certezza del diritto e dei tempi processuali sono i nostri obiettivi. Come sempre ci confrontiamo e come sempre troviamo la soluzione migliore per gli italiani”. Lo scrive in un tweet il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, commentando l’accordo raggiunto durante il vertice di questa mattina a Palazzo Chigi.

RISSA SFIORATA – Intanto, a Montecitorio, le commissioni riunite Affari costituzionali e Giustizia della Camera hanno dato il via libera all’ampliamento della prescrizione al ddl corruzione. Non senza proteste dell’opposizione, però, che ha contestato l’assenza del guardasigilli Bonafede, impegnato nel vertice di Palazzo Chigi. Alla sala del Mappamondo la tensione è arrivata alle stelle tanto che si è addirittura sfiorato lo scontro fisico tra i rappresentanti dell’opposizione, che hanno rumorosamente contestato la regolarità della votazione, e gli esponenti della maggioranza.

Sono volate parole grosse e le urla si sono sentite chiaramente nella sala antistante l’aula del Mappamondo, mentre i commessi sono dovuti intervenire per evitare che la situazione trascendesse. Ma la protesta non si è interrotta e si è trasferita in aula, dove Fi ha occupato i banchi del governo. Successivamente Pd, Fi, Leu e Fdi hanno preso la parola e hanno continuato a protestare per le modalità con le quali si è svolta la votazione in Sala del Mappamondo. E’ stata chiesta l’immediata convocazione della conferenza dei capigruppo.

Il presidente di turno Ettore Rosato ha comunque fatto proseguire la seduta – che aveva all’odg la relazione della Giunta per le autorizzazioni sulla domanda di autorizzazione all’utilizzazione dei verbali e delle registrazioni delle intercettazioni nei confronti di Lello Di Gioia – affermando che sulla convocazione della capigruppo deciderà il presidente Roberto Fico, assente questa mattina per un impegno istituzionale.

MINORANZA CHIEDE DI RIVOTARE – A Fico gli esponenti della minoranza hanno chiesto che venga ripetuta la votazione che ha sancito l’allargamento del ddl anticorruzione al tema della prescrizione. “I segretari – ha spiegato Gelmini – dichiarano che non sono stati nelle condizioni di verificare la regolarità delle votazioni” e, ha aggiunto Rotta, “la preesistenza del numero legale”. Inoltre, ha ricordato ancora l’esponente Dem, “non abbiamo potuto discutere del merito”.

E con il presidente della Camera si è appunto parlato anche di contenuti, visto che le opposizioni hanno chiesto, ha affermato Lollobrigida, che il dibattito possa proseguire “con modalità che permettano il confronto tra maggioranza e opposizioni nel rispetto delle regole”. Anche perché, ha detto ancora Gelmini, se come annunciato la riforma della prescrizione entrerà in vigore nel 2020, “non c’è bisogno di correre”. Quindi ci dovrà essere tutto il tempo per le audizioni e per la presentazione degli emendamenti. Le opposizioni hanno poi denunciato, come affermato da Fornaro, la “forte preoccupazione per la violenza del governo nei confronti del Parlamento”, sottolineando che mentre le commissioni esaminavano il provvedimento, il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, parlava del tema in una diretta Facebook. Fico si è riservato di decidere sulle questioni sollevate dalle opposizioni e il confronto proseguirà nella Conferenza dei Capigruppo convocata per le 17.

PENALISTI IN SCIOPERO – L’Unione delle Camere penali, parlando di “sciagurate iniziative” dell’attuale maggioranza di governo, a cominciare dalla riforma della prescrizione, ha proclamato quattro giorni di sciopero. L’agitazione è stata indetta da martedì 20 a venerdì 23 novembre. “No alla controriforma della giustizia penale”, si legge in un post su Facebook.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine